L R AS Pubblicato su sabato 18 settembre 2021 - n° 374 - Categories:guerra commerciale

La principale provincia fuori dallo Xinjiang dove si produce silicio sta riducendo la sua produzione

Il governo provinciale dello Yunnan sta iniziando ad attuare il controllo della produzione di silicio metallico, assicurando che la produzione media mensile dei produttori di silicio metallico da settembre a dicembre non superi

10% della produzione di agosto. Questo significa una riduzione del 90% della produzione di silicio metallico.

Yunnan, una provincia nel sud-ovest della Cina, produce il 20% della produzione totale di silicio metallico, secondo solo a Xinjiang, che rappresenta il 40%. La politica del doppio controllo ridurrà la produzione di silicio metallico di più di 200.000 MT nel periodo da settembre a dicembre nello Yunnan.

Mentre la Cina ha molta capacità di riserva di silicio metallico, i prezzi del silicio metallico sono recentemente aumentati a causa delle carenze di energia nel sud-ovest del paese. La riduzione della produzione nello Yunnan ridurrà la possibilità di importazioni statunitensi di prodotti solari, poiché gli Stati Uniti vogliono rifornirsi di materiali da zone al di fuori dello Xinjiang.

https://www.infolink-group.com/en/solar/analysis-trends/Silicon-metal-shortage-to-intensify-as-Yunnan-cut-production

PV InfoLink del 17 settembre 2021

Nota dell'editore: L'imposizione di un embargo degli Stati Uniti sull'importazione di silicio (e prodotti di silicio) dallo Xinjiang ha privato gli Stati Uniti del 40% del silicio prodotto in Cina (e quasi altrettanto nel mondo). Con questa misura di controllo della produzione, il governo cinese toglie il 20% della produzione di silicio dal mercato, in un momento in cui la carenza di silicio non è finita. Anche le nuove unità di produzione che saranno commissionate saranno soggette a queste restrizioni. C'è quindi da aspettarsi che la carenza diventerà più acuta nel quarto trimestre e nel 2022.

Il dominio, o meglio l'egemonia, della Cina nel settore fotovoltaico farà pagare un prezzo elevato agli utenti. Non siamo più in una logica di mercato, ma in un'organizzazione progettata per dominare il mondo e fargli pagare l'umiliazione che la Cina ha subito nel XIX secolo

Senza rumore e senza corvi alla cinese, la Cina dimostrerà che si può contare su di lei. Il trasferimento di ricchezza aumenterà tra i paesi del G20 e la Cina. L'equilibrio geostrategico si sta spostando a favore dell'Asia. Questo è un primo esempio. Molti altri seguiranno

In un certo senso, un nuovo mondo sta iniziando per il fotovoltaico

Iscriviti alla newsletter "Le Fil de l'Actu"